Premio nazionale Frascati Poesia 2016 - Conduttrice la scrittrice e critico letterario Patrizia Pallotta

Il mito: storie affondate nella notte dei tempi. Leggende che parlano di personaggi, divini ed umani, che vivono oltre tremila anni fa. La mitologia ha governato e influenzato ogni società antica presente su questo pianeta. Costituiva la più antica espressione culturale del mondo, in ogni mito erano contenute delle verità eterne tramandate oralmente per lunghi secoli, che hanno contribuito a plasmare la coscienza dell’unità spirituale di qualsiasi popolo. Attraverso i miti, i popoli antichi sono riusciti a codificare e a trasmettere conoscenze sul mondo e sull’uomo, credenze, principi morali, norme di comportamento: insomma, tutto ciò che era ritenuto importante per l’organizzazione, la sopravvivenza e la continuità della comunità. Vale forse la pena ricordare che cos’è un mito


Tre i poeti finalisti per la 56esima edizione del Premio Nazionale Frascati Poesia Antonio Seccareccia: Sonia Gentili con "Viaggio mentre morivo" (Nino Aragno), Annalisa Manstretta con "Gli ospiti delle stagioni" (ATì editore), Gino Scartaghiande con "Oggetto e circostanza" (Il Labirinto). Sonia Gentili (Stella, Salerno, 1970) insegna Letteratura Italiana (Sapienza Università di Roma) e collabora col quotidiano "Il Manifesto". Autrice di saggi, traduttrice, ha pubblicato le raccolte poetiche L'impero e la Gorgone (2007) e Parva naturalia (2012). Annalisa Manstretta (Stradella, Pavia, 1968) ha pubblicato le plaquettes: Viaggi (2000), In questo punto esatto della terra (2009); Lune autunnali (2009). Ha dato alle stampe le raccolte La dolce manodopera (2006) e Il sole visto di lato (2012). Gino Scartaghiande (Cava de' Tirreni, Salerno, 1951) è laureato in medicina.


Una straordinaria riflessione sul potere del silenzio - AUDIO


Due pesi e due misure
I colpevoli, i mostri, i criminali, i terroristi sono sempre gli altri,
chi invece ha deportato gli schiavi,
sterminato gli indigeni,
saccheggiato le risorse dell'Africa,
raso al suolo intere città,
sganciato ordigni nucleari su avversari che avevano già chiesto la pace,
costruito muri per dividere nazioni,
cacciato i Palestinesi dalla propria terra,
condannato Istriani e Dalmati a un esilio perpetuo,
tracciato confini fasulli, sulla pelle dei popoli,
rinchiuso tre settimane un poeta in una gabbia da gorilla e dodici anni in un manicomio criminale,
lo ha fatto solo per il bene dell'umanità.
I colpevoli, i mostri, i criminali, i terroristi sono sempre gli altri,

In un pomeriggio di maggio piovoso la madre ottuagenaria con occhi lacrimevoli rivive volo mattutino della sua prima colomba accompagnato dal canto degli uccellini e da una folata di vento verso un cielo senza orizzonte. Alla figlia/sorella che ne porta il nome mentre ascolta tremano carni con la pietà giungono gocce di pianto


Venerdì 20 Maggio p.v. alle ore 18,30 presso l'Auditorium delle Scuderie Aldobrandini di Frascati in Piazza Marconi 6, si è svolta la Cerimonia di Premiazione del Premio Nazionale Frascati Filosofia Elio Matassi. Novità di questa edizione, la partecipazione degli studenti dell'Istituto Tecnico Commerciale M. Buonarroti e del Liceo Classico - Linguistico M. Tullio Cicerone di Frascati che si sono confrontati con il filosofo vincitore su argomenti tratti dal romanzo " Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint Exupéry. Inoltre la Compagnia di balletto Novadanza diretta da Fabrizio Federici e Vittorio Padula ha presentato una Suit dallo spettacolo Fiaballando - dal Libro al Palcoscenico, ispirato al Piccolo Principe con le coreografie di Fabrizio Federici.


Millenni fa, nel XXI secolo, l’Europa era ancora una colonia dell’Impero Americano, una dittatura finanziaria travestita da democrazia, politici-burattini nelle diverse filiali e un potere centrale ipocrita e voracissimo, guerre contrabbandate per missioni di pace, indici economici a stabilire il valore della vita,


Come una lupa affamata mi accuccio dietro la tua schiena gli occhi di brace raccontano la bellezza del corpo che è un dono da dilaniare lì di notte la luna saprà guardare senza voltarsi


Non esser nata in un giorno qualunque io lo compresi già alle elementari: il giornale con le lettere grandi spegneva tutti gli anni le candele sulla foto di un grande funerale al di là dell'oceano. I primi tempi non capivo, chiedevo come mai così mesta per me fosse la festa.


Circondati da un'aura misteriosa nel giorno del ritorno lungo la riva del mare tutti in festa per Sara la Nera In un angolo di sogno bagnato da speranza


Strano virus il pensiero modifica il destino di chi l’ha concepito e di quanti ne subiscono il contagio, genera mutazioni persino all’interno del proprio nucleo, trasforma il tessuto della realtà induce metamorfosi, rivelazioni o catastrofi. A ogni contatto si moltiplica. Cambia aspetto. Si camuffa.


Presentazione della nuova edizione del romanzo scritto dal poeta Antonio Seccareccia

Presentazione audio del poeta, scrittore e critico letterario Domenico Adriano

Canduttrice la scrittrice e poetessa Patrizia Pallotta

Presentazione del romanzo di Patrizia Pallotta, a cura di Mirella Tribioli, scrittrice e critico letterario

Pagine